On Air

Current track

Title

Artist


Meghan porta una ventata di aria fresca a Buckingham Palace

Written by on 8 Gennaio 2019

Solo pochi mesi sono passati dal matrimonio reale dell’anno: quello avvenuto a maggio tra il secondogenito principe inglese Henry, figlio della compianta Diana e di Carlo, e l’attrice americana Meghan Markle: forse è per questo non si smette di parlare di loro, specie dopo la lieta notizia che vede la Duchessa presenziare ai British Fashion Awards in un attillato abito nero monospalla che mette in mostra la curva di un bel pancione.
Ma in questo breve lasso di tempo non sono poche le novità al quale la regina Elisabetta, abituata a dover (e saper) tenere tutto sotto il proprio controllo, ha dovuto abituarsi: di fatti, a beffa di quanto dichiarato da un sondaggio rilasciato da Yougov, che inserisce la Duchessa di Sussex solo al sesto posto nella classifica dei reali più amati (sorpassata dalla cognata e futura erede al trono Kate, dal marito Henry, che si becca il primo posto e perfino da Filippo, il 97enne marito di Elisabetta famoso più per l’impeccabile ruolo marginale che ha da sempre rivestito alla perfezione), sembra che Meghan abbia, silenziosamente e con la sua sola presenza, sradicato gran parte dei dogmi regali che, fino a prima del suo arrivo, sembravano ben saldi.. Confermando la volontà di essere la prima donna in casa Windsor a voler spingersi oltre. Un indubbio merito per Meghan, considerando che Buckingham Palace è specchio della società inglese e delle abitudini del tempo.
Ma vediamo come:

1 MEGHAN BATTE BANDIERA A STELLE E STRISCIE
La bella Duchessa è, di fatti, americana. Nata a Los Angeles, California, ha studiato recitazione alla Northwestern University e nelle sue vene non scorre neanche una goccia di sangue né blu, né tantomeno inglese. Discostandosi quindi dalla tradizione che vede, solitamente, i membri della famiglia reale imparentarsi con altrettanti inglesi (meglio se reali), Meghan sradica una tradizione silente che diventa simbolo di unione e uguaglianza tra i popoli, necessaria oggi più che mai.

2 MEGHAN LAVORAVA COME ATTRICE ED E’ UNA FERVENTE FEMMINISTA
La ricorderemo tutti nei panni di Rachel, la bellissima protagonista di Suits, serie televisiva americana in onda, in Italia, dal 2012 di cui Meghan è, a buona ragione, il volto più popolare. Ma ha lavorato anche in diversi film come Remember Me, Come ammazzare il capo, Sballati d’Amore.. e in numerose altre serie Tv.
Insomma, Meghan non sembra affatto il tipo di ragazza che tende a stare con le mani in mano:
di fatti, nonostante le molte attendibili voci che volevano la Duchessa di Sussex intenta ad abbandonare la sua carriera cinematografica dopo le nozze, altrettanti rumors discutono un suo possibile ritorno sulla scena proprio per il prossimo episodio di Suits, di cui sono previste a breve le riprese.
In ogni caso, una volta messo l’anello al dito non ha trascorso il suo tempo a riposare sugli allori: stando a quanto riporta il Daily Mail, la regina Elisabetta vorrebbe affidare a Meghan il patronato del National Theatre. Sicuramente un compito che calza alla perfezione per Meghan, che ha studiato recitazione all’università e che la vedrà intenta a intrattenere rapporti con le varie istituzioni statunitensi (sua terra d’origine) che generosamente supportano il Teatro.
Si discosta quindi dal tradizionale ruolo di moglie che, specie sotto i riflettori, per non oscurare il marito, ne sta sempre almeno un passo indietro.
E’ una reale inglese che supporta le donne, e lo ricorda al governatore neozelandese Dame Patsy Reddy e al primo ministro Jacinda Ardern, durante un discorso tenutosi a Wellington, quando, già in attesa del suo primo figlio, sfoggia un discorso che parla di donne, di suffragio universale (sebbene sappia che i Windsor non votano ed è essenziale che si dimostrino politicamente neutrali) e di uguaglianza di diritti. Il femminismo bussa alle porte di Buckingham Palace, ha la voce di un’affascinante attrice americana e nessuno può sentirsi esonerato dal prestare attenzione.

3 I FAMIGLIARI “SCOMODI” DI MEGHAN
Se la mamma afroamericana, psicoterapeuta e istruttrice di yoga, era presente, visibilmente emozionata, alle seconde nozze della figlia, il padre e tutti i restanti parenti non furono invitati, ne intenzionati a partecipare. Meghan proviene, infatti, da una famiglia per nulla da copertina: una serie di relazioni complicate e di rancori metteranno in scena, sia prima che dopo le nozze, una serie di imbarazzanti eventi che non passeranno per nulla inosservati. Il padre di Meghan, Thomas, veniva scoperto nell’atto di vendere un’esclusiva fotografica simulando che fosse stato paparazzato assieme alla figlia, a pochi giorni dalle nozze, e sia lui che i due fratellastri, hanno spesso rilasciato dichiarazioni diffamatorie e senz’altro negative nei confronti di Meghan (si pensa, al puro scopo di ricevere inviti e compensi dai media, dai giornali e dai programmi di gossip americani) che, tra l’imbarazzo (condiviso da tutta la famiglia Windsor) e la rabbia, grazie anche al supporto di Henry, ha però sempre saputo fronteggiare.
La moglie di Henry da tempo non trattiene rapporti con la famiglia d’origine, e l’ultimo confronto con il padre risale al giorno delle nozze e si esaurisce in una chiamata durata una manciata di minuti, così come Henry non ha mai intrattenuto relazioni con i famigliari di Meghan, fatta eccezione per la madre: probabilmente su espressa richiesta di Meghan stessa, e col consenso della famiglia reale tutta.

4 MEGHAN E’ PIU’ GRANDE DI HENRY ED E’ GIA’ STATA SPOSATA
Infatti la bella attrice americana, coi suoi 37 anni, è più grande di tre anni rispetto al marito e sette anni fa, nel settembre 2011, sposava Trevor Engelson, produttore cinematografico con cui era fidanzata dall’età di 23 anni e da cui ha poi divorziato nell’estate del 2013.
La duchessa si porta alle spalle una vita tanto intensa quanto ricca di esperienze e non è per nulla intenzionata a nasconderlo, anzi, si fa paladina della lotta contro i preconcetti legati a questo genere di argomenti e mette i reali inglesi dinnanzi alla vita che si respira fuori dagli sfarzosi cancelli di Palazzo.

5 ALTRO CHE WAITY, MEGHAN E’ SPARKLE
Se Kate Middleton, cognata di Meghan e moglie del futuro re d’Inghilterra William, fratello di Henry, venne spesso ribattezzata dai media inglesi ‘Katy Waity’, ovvero la Katy che aspetta, per le sue abitudini spesso definite ‘scansafatiche’, non particolarmente ambiziosa ne tantomeno influente o originale nei suoi intenti; le stesse abitudini che indussero gli amici di William a ribattezzare Kate e la sorella Pippa, le “Wisteria sisters”, “sorelle glicine” tenaci nel loro ruolo di arriviste tanto quanto il famoso rampicante. Meghan Markle, anni dopo, riceve in dono dalla stampa inglese e internazionale l’appellativo “Meghan Sparkle”, frutto sia dei tipici modi americani, più sfavillanti ed eccentrici di quelli inglesi, ma anche della sua naturale tendenza a brillare, a non passare inosservata neppure se vi si impegni, ma soprattutto a sentire l’esigenza di esporsi in prima linea su questioni di cui sente di poter avere voce e influenza, portando a testa alta la sua idea di regalità, in bilico tra l’attenersi al protocollo e la propria, indiscussa, esigenza di libertà.

6 NON HA FATTO RICORSO AD ALCUN SOTTERFUGI PER FAR BRECCIA NEL CUORE DEL PRINCIPE
Eccoci dinnanzi ad un altro argomento per il quale Meghan viene spesso affiancata alla cognata Kate: cosa ha fatto l’attrice di Suits per conquistare l’ambitissimo Henry? Se su Kate si sa per certo che, nel lontano 2000, si spostò dall’Università in cui era stata ammessa, ad Edimburgo (quella che diceva da sempre di voler frequentare e la stessa delle sue migliori amiche) per trasferirsi alla St. Andrews, non appena seppe che il giovane William avrebbe frequentato quella scuola, fatto che la obbligò a fermarsi con gli studi per un anno e a non avere neppure la certezza che a St. Andrews venisse ammessa l’anno successivo.. Meghan invece, ha conosciuto Henry durante un appuntamento al buio organizzato da alcuni amici in comune che ritenevano che il principe tormentato avesse solo bisogno di una donna bella, ma sicura di se e solida, e Meghan era la candidata ideale. Entrambi erano totalmente ignari di chi stavano per incontrare: Meghan non sapeva che quella sera avrebbe fatto di lei una principessa. E che nessuno si azzardi a pensare che non ce l’avrebbe fatta altrimenti! Al momento del matrimonio, Meghan aveva di ‘Sparkle’ anche il conto in banca: ben 5 milioni di dollari e tutti fatti da sola.

Siamo dinnanzi ad una “Diana 2.0”, per citare gran parte dei quotidiani di gossip anglosassoni? O semplicemente, dinnanzi ad una donna che a Buckingham Palace serviva come il pane?


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *