On Air

Current track

Title

Artist


Ancora una affermazione per il poeta barcellonese Giovanni Macri’

Written by on 5 Febbraio 2019

La “R.D.P. Eventi” del dottor Renato Di Pane ha organizzato la II^ Edizione del Concorso Nazionale di Poesia “Versi di pace”.

Un premio letterario di poesie in lingua italiana e siciliana.

La poesia “14 austu 2011” di Giovanni Macrì, proprio in lingua dialettale siciliana, ha conseguito una delle “segnalazioni di merito”.

Verbale di Giuria

Una lirica che è un vero e proprio inno all’Amore. L’Amore di un padre verso la propria figlia e l’Amore di questa nei confronti della vita.

Una “Donna”, Roberta, capace di risorgere, di risollevarsi dalla disavventura capitatale e di abbattere le avversità del destino, come faceva la mitica “Araba fenice” dalle proprie ceneri il cui motto era Post fata resurgo (dopo la morte mi rialzo). Riuscendo quindi a inviare con il suo coraggio, con il suo agire, un messaggio di speranza a noi tutti. Un fondamentale messaggio, ovvero che da una disgrazia può venir fuori qualcosa di magico, di miracoloso, di portentoso, di meraviglioso.

Questa è una lirica alla quale l’autore è particolarmente legato perché traccia, dall’incidente occorsole fino a oggi che l’ha resa paraplegica in carrozzina, tutto l’iter, tutto il percorso di “Rinascita” della figlia Roberta.

Giovanni Macrì

Roberta, una vera forza della natura che non smette mai di gridare al mondo intero che non bisogna mai arrendersi dinnanzi alle avversità che la vita ci pone quotidianamente davanti. Anzi ci urla di reagire con il massimo delle proprie energie, perché:“Niente è impossibile, basta volerlo!”

 

14 austu 2011

 ‘N Anciulu vinni ddà scura e fitusa notti d’austu

pì combattiri senza timori ‘a battagghia, pi idda,

mustrannuci ‘nta facci dû terribili e niuru signuri ‘ll’olocaustu,

cu arrucanza ‘a sò spada chi lucìava comu ‘ na stidda.

 

Iddu, sinni ju vastunatu, purtannusi però pezzi ‘i carni

‘nzasanguliati e puru… dâ sò midudda ‘na parti.

A carusa non transitò cu barcuni ‘u “Ciumi”… nun n’avia i dinari!

Chiddu fu ‘u tremennu prezzu c’appa a paari, pì… nun passari!

 

‘N ‘ nfame si purtò cu iddu a sò possibilità ‘i camminari,

annannusinni battutu sì, ma cu nu stranu risu ‘nta sò facci, senza cchiù turnari.

‘A figghia ristò ‘n terra supra ‘a nira strata, chi sò iammi

‘nteramente senza motu, ferme, friddi, e ciancennu ‘i so drammi!

 

‘Ntisi cà vita è una sula , fàcinnusini ‘na ragiogi da ddù mumentu,

e chi s’avia a viviri sempri cu fortizza e senza nuddu abbattimentu.

Minutu pì minutu, mumentu pì mumentu, jornu dopu jornu, ,

sempri cu gioia, ‘ntà facci ‘i chiddu chi pò succediri tutt’ntornu.

 

L’upirrazioni, ‘u spitali, ‘i notti passati in biancu

‘u scunfurtu, ‘a solitudini, ‘u duluri, ‘u scantu,

‘Na miscela ‘i niuri pinzeri, comu “dimòni” ‘nzivati

s’inturciunavano ‘ntò sò ciriveddu, tutti ammiscati.

 

Curaggiusa, dura, crastuna, insistenti, ,

comu javia sempri stata, è sempri ‘u sarrà,

cominciau a battìrili a unu a unu cu tanti patimenti,

vivennu ‘a so’ risurrizione, supra i sò “roti”, cu abbilità.

 

I nùovi e viecchi amici, ‘i cristiani ‘u cumprènniri,

lu me ciatu ‘i patri, ‘i maistri dû “Centru” ‘u ‘ntènniri!

Da subitu capìu ca putìa fari càsi tuttu chiddu ca prima facìa,

sicuramenti ‘ntà ‘na manera diviersa, ma ca… putìa!

 

‘I ddù mumentu, nenti e nuddu cchiù idda arrinisciu ad acchiappari!

Guirari ‘a sò màchina, fari sport, supra ‘a sò carrozzina abballari,

Cu poti firmari a fuorza ‘i nu terribili marimotu?

Chistu è cìertu… idda è chiù putenti ‘i nu terremotu!

 

Tuttu chistu rittu ‘ntà facci a chiddu, chi cristiani malati ‘i testa,

chî sò ncagghi, ‘nsàjanu a mìettiri ô ravanzi dû sò “iri” chi nun arresta!

A iddi, e a tutti chiddi ca crìrunu chi stì “carusi” sunnu còsi ‘i jittari,

idda, ca nenti poti, ma tuttu faci, potennulu banniari,

 

sìenza vriùogna rittu ‘ntà facci e senza cruci,

bucìa cu furtizza e dicisioni, cu tutta ‘a so’ vuci,

e ‘u dici, ‘u dici ancùora, picchì poti dirlu:

   “Tuttu si puti, abbasta vulirlo!”

 


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *