On Air

Traccia corrente

Titolo

Artista


La mezza con panna conquista il Gambero Rosso: 2 Coni alla gelateria di Giuseppe Arena

Scritto da il 11 Aprile 2023

Il messinese Giuseppe Arena si conferma tra i migliori gelatieri d’Italia. La Guida “Gelaterie d’Italia 2023” del Gambero Rosso ha assegnato per il secondo anno consecutivo i 2 Coni alla Pasticceria Gelateria Giuseppe Arena insegna storica di fronte al suggestivo lago di Ganzirri.

«L’anima dell’attività risiede nella qualità dei gelati e nella professionalità del maestro Giuseppe Arena – si legge nella recensione degli ispettori – Gelato e granite sono, oltretutto, una questione di famiglia e di orgoglio messinese, con risultati eccellenti, granita di caffè in primis. Qui è servita per metà bicchiere con panna, appunto, la mezza. Attenta la ricerca: frutta secca, fichi, ricotta e tutta la frutta fresca di stagione (per gli agrumi autoprodotta) è reperita localmente, tra i Nebrodi, Bronte sull’Etna e Modica».

Tra i gusti da non perdere la gianduia di Capo Peloro, la mandorla amara di Tortorici, lo zafferano e la nocciola dei Nebrodi. Tra le altre specialità si citano i tartufi al caffè e il conocannolo, un cono croccante realizzato con la stessa tecnica utilizzata per la cialda dei cannoli siciliani, perfetto con il gelato alla ricotta e cioccolato. Parole di elogio anche per il servizio curato da Rosaria Inferrera, moglie di Giuseppe, che la Guida definisce attenta e premurosa.

Il maestro gelatiere avrà inoltre un importante ruolo nella sezione di pasticceria, gelateria e panificazione appena costituita all’interno dell’Associazione Cuochi di Messina, guidata dal pasticcere Lillo Freni. Doppia soddisfazione per lo chef glacier che, recentemente, ha dato la propria consulenza per l’apertura di una nuova gelateria a Budapest: «Il nostro gelato varca tutti i confini e ne sono veramente orgoglioso – ha concluso Giuseppe Arena – Ringrazio il Gambero Rosso per questo importante riconoscimento che premia il mio lavoro di ricerca continua delle migliori materie prime. Non si guarda mai al risparmio ma solo alla qualità, per questo un buon gelato lo si riconosce già al primo assaggio».


Opinione dei lettori

Commenta