On Air

Current track

Title

Artist


Profili della settimana: Jefferson Fiumara

Written by on 31 Marzo 2019

Pensate ancora che la moda sia una velleità e che i sogni non possano realizzarsi? Cosa e quanto riusciamo a trasmettere di noi stessi? Quanto conta il risultato e quanto può incidere su di noi?

All’interno della cornice “Profili della Settimana”, contenitore per dar spazio ai protagonisti di “Ragazza e Ragazzo dell’Anno” 2018, si racconta il vincitore della categoria TEENAGERS.

Buona lettura!

 

«Consiglio il concorso Ragazza e Ragazzo dell’Anno a tutti quei ragazzi che si sentono insicuri e timidi perché sfilare influisce sulla personalità a porta la persona a una maggiore cognizione di sé. Io ho partecipato spinto dalla voglia di migliorare e diventare qualcuno nel futuro. Infatti grazie al concorso ho le idee più chiare e posso affermare con certezza che il mio sogno principale è di diventare un modello. Tra l’altro l’emozione più intensa è stata sfilare davanti a molte persone e in diverse occasioni, quindi non intendo rinunciarci. Poi grazie al concorso capita di partecipare come ospite in altri eventi e l’impatto è sempre molto forte».

Sono le attente e precise parole di Jefferson Fiumara, di origini brasiliane, vincitore del titolo Ragazzo dell’Anno TEENAGER 2018.

Davanti al microfono appare a suo agio, sulla passerella fissa l’obiettivo senza timore.

«La mia è una famiglia stupenda. Loro per me ci sono sempre e mi accompagnano ovunque, sento costantemente il loro affetto e mio fratello sa persino come farmi ridere. Sono la famiglia che ho sempre desiderato e che ho aspettato da tanto tempo. Per questo ti dico che adesso mi sento pronto a realizzare il mio sogno, perché parto da loro, perché loro solo la mia base affettiva sicura».

Fisso i suoi occhi scuri e penetranti, perché fa effetto sentire un ragazzo parlare così: Jefferson ha una storia molto importante da raccontare, una di quelle che ti fanno vedere il lato buono del mondo.

Siamo a Rometta e alle nostre spalle si muove il presentatore storico del concorso, Francesco Anania, che rilascia un’intervista promuovendo le iniziative che tra meno di un mese impegneranno i vincitori. Segreti che i protagonisti scopriranno tra un po’, giusto il tempo di metabolizzare l’emozione ancora in corso.

«Io non ho molti hobby ma le cose principali che faccio sono studiare, praticare sport a livello agonistico, sfilare e leggere. La lettura per me è fondamentale perché l’uomo ha imparato a migliorare il linguaggio grazie ai libri. Poi se ho qualche minuto libero lo impiego rilassandomi davanti alla tv oppure uscendo con gli amici».

Mi domando se si senta integrato in questa società.

«Sì abbastanza. Nonostante tutte le differenze mi hanno tutti accettato per quello che sono. Spesso bisogna dare fiducia. Le difficoltà che ho incontrato durante la mia vita le ho sempre affrontate con positività e spesso ne parlo in famiglia».

Mi complimento con Jefferson per il modo in cui vive la famiglia e a lui sfugge il primo sorriso della serata.

«Non dico che sono perfetto perché in fondo non lo è nessuno. Non esistono persone solo buone e solo cattive né solo brutte o solo belle ma dobbiamo tutti migliorarci sempre perché la vita è imprevedibile. L’importanza di una persona si vede dai piccoli gesti verso il prossimo e la verità e che non sono facili da compiere per tutti. Io per migliorare rifletto molto e mi metto sempre alla prova, quando cado mi rialzo a testa alta».

Infatti il difficile è proprio rialzarsi.

«L’unica aspettativa che mi creo sul futuro è verso me stesso: tra 10 anni mi immagino una persona completamente diversa, dal carattere forte e sempre capace di aiutare il prossimo, con il cuore gentile e, soprattutto, beneducato».

 

Un ringraziamento speciale al ragazzo di oggi: mettersi in gioco significa trovare il coraggio di splendere mostrando la versione migliore di sé.

Seguici e scoprirai i vincitori del 2018!

Iscriversi all’edizione del 2019 e vivere il Tour di selezione è ancora possibile, basta chiamare la segreteria al 3398254709

 


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *