On Air

Traccia corrente

Titolo

Artista


SALUTE MENTALE, CATALFAMO (LEGA) DEPOSITA DDL PER ISTITUIRE UNA CARTA DI RIMBORSO PER LE SPESE PSICOLOGICHE: “LA PANDEMIA HA TOLTO A MOLTI LA SERENITA’ BISOGNA COMPENSARE”

Scritto da il 27 Aprile 2021

Una carta rimborsi, chiamata Health Card, per le spese sostenute nell’anno 2021 per i percorsi di sostegno psicologico. Questo il disegno di legge depositato questa mattina dall’Onorevole Antonio Catalfamo, capogruppo all’Ars della Lega.
Secondo il disegno di legge, i beneficiari della carta rimborso potranno essere i cittadini siciliani con reddito ISEE inferiore a 15 mila euro che abbiano sostenuto spese presso uno psicologo appartenente all’ordine degli psicologi siciliani nell’anno 2021 e per un massimo di 1.000 euro a persona in un anno. Le motivazioni più frequenti, che hanno portato l’Onorevole al disegno di lette, sono state legate a stati ansia, depressione, altre problematiche pregresse emerse a causa del coronavirus, o elaborazione di un lutto, questa richiesta è raddoppiata con la fine del primo lockdown.
Commenta Catalfamo:
“Il bisogno di assistenza psicologica non è più rimandabile. Ma secondo un’indagine condotta dal Cnop nel 2019 solo un cittadino su dieci con problemi di salute mentale accede ai servizi pubblici. Perché le liste di attesa a volte sono proibitive. Per un primo colloquio si possono aspettare fino a sei mesi. Anche nove se si tratta di un minore. E allora chi può va nel privato e ogni mese paga la terapia quasi come l’affitto di una stanza. Mentre l’indigente ci rinuncia e starà sempre più male. Tutto questo perché non ci sono abbastanza psicologi assunti. È ora che venga data dignità a questo servizio, che porta benessere e un risparmio per il Servizio sanitario regionale. Una persona che soffre non va al lavoro, trascura i figli, ricorre più frequentemente all’ospedale e all’assunzione di farmaci, aggravandosi e non risolvendo mai il suo problema. Sono ormai passati molti mesi dall’inizio della pandemia e le forme di disagio psicologico sono aumentate e aggravate – come dimostrano tutti gli studi effettuati – con impatto sulle varie dimensioni della vita e sulla salute. La presente legge punta a garantire un rimborso a chi ha dovuto sostenere queste spese durante l’anno in corso pur non avendone la facoltà economica e si è spesso dovuto indebitare. Ma rappresenta soprattutto un incentivo per chi non ha la possibilità di andare in uno studio privato per curare i sintomi di stress e depressione per esempio, aumentati a causa della pandemia, e potrebbe quindi trovare con questa legge un valido strumento per avere cure e sostegno psicologico.”
I cittadini con senso critico si chiedono solo una cosa. Quante persone – o famiglie –  con un ISEE inferiore a 15 mila euro l’anno sono riusciti, anche solo a pensare, di poter rivolgersi a uno specialista, il cui compenso si aggira intorno alle 50 euro l’ora?
Vedremo cosa accadrà.

Opinione dei lettori

Commenta