On Air

Current track

Title

Artist


Ancora un successo per lo scrittore Giovanni Macri

Written by on 31 Dicembre 2018

Nella chiesa di Sant’Antonio Abate di Gesso (ME) si è svolta la premiazione della II^ edizione del concorso letterario di poesia in lingua italiana e siciliana “Maria Costa”.

Maria Costa che è stata una profonda sostenitrice del dialetto siciliano, scomparsa nel 2016, il cui nome è stato iscritto nel 2006 nel registro dei “Tesori Umani Viventi” delle “Eredità Immateriali della Regione Siciliana”. Una vita la sua dedicata alla letteratura e alla valorizzazione della cultura siciliana.

Il concorso organizzato dall’Associazione Temporanea di Scopo “Rinascita Gesso” con presidente Tonino Macrì, con il patrocinio della Città Metropolitana di Messina e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Messina, e in collaborazione con il gruppo culturale “Fogghi Mavvagnoti” di Malvagna (ME) presieduto da José Russotti, si è articolato in 2 categorie: Adulti e Giovani (fino a 18 anni d’età) e ognuna di queste in ulteriori tre sezioni: A) poesia in lingua italiana; B) poesia in lingua siciliana; C) racconto (cuntu) in lingua siciliana.

Lo scrittore barcellonese Giovanni Macrì con la poesia in lingua siciliana dal titolo “Sugnu Sicilianu”, ha ricevuto una delle quattro menzioni di merito assegnate a questa sezione.

Giovanni Macrì durante la lettura della poesia

“Un plauso agli organizzatori, ha dichiarato Giobvanni Macrì, e alla giuria che ha voluto premiare questi miei versi. Versi che vogliono porre l’accento sulla sicilianità e sul valore dei “Siciliani” che con “vuci duci” parlano al mondo intero e che al contempo mi rendono fiero di essere figlio di questa terra: la Sicilia”.

Per Macrì è stato il 22° riconoscimento in campo letterario per il 2018.

Di seguito i versi della poesia:

Sugnu Sicilianu

Sicilia, terra ‘i genti d’unuri

Sicilia, terra ‘i sangu e ‘i duluri

Terra d’aranci, ‘i limuni e ‘i culuri,

terra ‘i migranti e ‘i travagghiaturi

Terra ‘i pistacchiu, di ficurinnia e ‘i arancinu,

terra ‘i vitigni d’Avola e ‘i pumadoru ‘i Pachinu!

 

Terra ‘i biddizzi e ‘i prestigiu nostru,

ùora decaduta dô su’ orgogghiusu lùstru.

Spartuta ‘ll’Italia da tempu scurdatu

Isula ‘nta lu mari Miditirràniu, ciuri profumatu!

 

Sicilia, terra sì ‘i miseria, ma puru ‘i disaggiu

Terra firita dô dominio sarvaggiu!

Greci, Romani, Arabbi, Normanni,

Angioini, Spagnoli e Borboni ‘ntà tutti stì anni.

 

Tutti ca pruvaruno ad arrobbariti ‘a tò identità, ma tu restasti

‘a “Trìscele” ‘i gorgonicu natàli,

‘a “Trinacria” chi tu sempri amasti,

famosa ‘ntra tutti l’omini e puru ‘ntra l’animàli.

 

Vagnata da tri mari, accarezzata da lu ventu,

cà la tò vuci duci, à lu munnu, parri cu l’accentu.

 

Terra ‘i danze e ‘i canti ggià scurdati

‘ntra li radici ‘i li mandurli e ‘i l’alivi suttirrati,

aunni ‘a terra profuma sempri ‘i gelsumini,

‘i zagara e dô sudori ‘i contadini.

 

Terra ‘i pueti, d’artisti e ‘i scienziati,

terra ‘i scrittori, ‘i politici e ‘i letterati,

ma puru d’eroi chi ‘u propriu sangu hannu versatu,

pì salvarine la storia e puru lu Statu,

pì circari ‘i sradicare, ‘ntà qualchi manera,

lu cancru cà stà distruggennu ‘a nostra bannera.

 

Sùgnu unuratu ‘i essiri figghiu ‘i stà terra,

Sùgnu unuratu ‘i essiri… Sicilianu!


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *